mercoledì 17 marzo 2010

JULIAN COPE - FRIED


Fritto.
D'altra parte uno che va in giro nudo con un enorme guscio di tartaruga sulla schiena è probabile che la diritta via l'abbia smarrita, e di brutto.
Quando Syd Barrett incise i suoi due capolavori solisti ("Barrett" e "The madcap laughs") probabilmente non aveva in mente di tracciare un solco; a dire il vero cosa avesse in mente Barrett può essere materia di studio piuttosto succulenta per schiere di studiosi del funzionamento cerebrale, ma non è di questo che voglio parlare, ossia non specificamente di questo.
Sta di fatto che negli anni successivi quel solco, se c'era, forse è stato guardato con curiosità da schiere di musicisti che però si sono guardati bene dal seguirlo.
Fino a quando, appunto, è arrivato questo secondo disco solista dell'ex-cantante dei Teardrop Explodes.
Ora, raccontare il personaggio Julian Cope vuol dire entrare in un mondo parallelo fatto di quantità abnormi di droghe lisergiche, dischi semisconosciuti pubblicati autonomamente di cui qualcuno di una bellezza abbacinante (si pensi a "Skellington"), studi sull'antropologia e sulla mistica, passioni travolgenti per generi musicali di culto (imperdibile il saggio "Krautrocksampler" scritto dal Nostro e seguito dall'altrettanto avvincente "Japanrocksampler" uscito un paio d'anni fa) e comunque immerso in una dimensione artistica a più dimensioni che lo conferma personaggio di assoluta importanza per il panorama rock e psichedelico inglese di fine millennio.
"Fried" esce a breve distanza dal suo esordio solista, quel "World shut your mouth" capace di ottenere entusiastici commenti sulla stampa mondiale quanto un riscontro commerciale piuttosto blando, nonostante le buone vendite del singolo "Sunshine playroom".
Ora, nessuna persona e nessuna etichetta sana di mente cercherebbe di irrompere al top delle charts inglesi con un album come "Fried".
Ma Julian Cope non è sano di mente.
E "Fried" bissa l'insuccesso del già notevole primo album, ma il caso vuole che sia un capolavoro.
Se non ricordo male esce dopo soli 8 mesi dal disco d'esordio, che non si allontanava di troppo dalle atmosfere dei Teardrop Explodes e che conteneva degli esercizi di pop psichedelico inglese di altissima fattura, su tutti la chiusura "Lunatic and fire-pistol"; "Fried" ripiega su una dimensione più intimista e, manco a dirlo, che svolta al primo bivio verso quelle terre impervie dove a guidare sono gli espansori di percezione. Il disco insegue il fantasma di Barrett almeno quanto Cope insegue i suoi stessi fantasmi: nel tentativo di dare alla sua scrittura pop il giusto taglio lisergico l'artista inglese sforna dieci gioielli di puro talento deragliato.



In "Fried" inizia a manifestarsi il Cope più oscuro e malato, quello di lavori come "Skellington" o "Droolian", dischi che seguono lo spirito dei capolavori del margine, quei dischi che forse troveranno una cupa gloria, almeno fra i cultori del genere, decenni e decenni più tardi.

REYNARD THE FOX:








Hey in the pouring rain
When the smell of terror brings a thousand eyes
The red men come again
They kill my children and they kill my wife
And then they leave me bleeding
Family dead, just freaking out bleeding
Stoned in the gutter
Empty of my colour
I'm fried, fried, ticking in the side
Body twitched from side to side
I'm fried, fried, ticking in the side
Body twitched from side to side

Run, run, Reynard, run, run, run
You've got to run for an hour and you're still not done
You've got to run, run, Reynard, run, run, run
Away, away, away, away, away

Hey in the ice and snow
When the call up sounds to the real in deed
But do you really wanna know
How we rode into freedom on whimsy and greed?
And they said your time is over
I don't see any gallant calls
I don't see an inch of reflex
'cept to leave me bleeding
Bleeding, bleeding, bleeding
I'm fried, fried, ticking in the side
Body twitched from side to side
I'm fried, fried, ticking in the side
Body twitched from side to side

Run, run, Reynard, run, run, run
You've got to run for an hour and you're still not done
Run, run, Reynard, run, run, run
Away, away, away
Run, run, Reynard, run, run, run
You've got to run for an hour and you're still not done
Run, run, Reynard, run, run, run
Away, away, away, away, away

Run, run, Reynard, run, run, run
You've got to run for an hour and you're still not done
Run, run, Reynard, run, run, run
Away, away, away
Run, run, Reynard, run, run, run
You've got to run for an hour and you're still not done
Run, run, Reynard, run, run, run
Away, away, away, away, away

Reynard left and went to Warwickshire, to a mound near a railway line,
with canals and a freezing swamp. He climbs high up above the countryside
and breathes freely. To the south he could see Polesworth, and to the
north he could just make out the ruins of the priory where Joss and I
played cricket as children. We were only three miles away, probably drinking
tea and talking,

(Have you heard about the orphan, sitting by the coffin)

at the same time as he was taking the stanley knife out of
the bag. He pushed the point into his stomach,

(His Father's not a sinner no more)

until the light shone right
through. And then he reached down, and he took the bag.
It's a plastic bag
With plastic handles
And plastic sides
and
and
And
ANd
AND
HE SPILLED HIS GUTS ALL OVER THE STAGE
HE SPILLED HIS GUTS ALL OVER THE STAGE




Questo pezzo continua a stupirmi 25 anni dopo. Il sofferto racconto della volpe Reynard e l'incalzante ritornello, nonchè l'assolo assolutamente acido del finale emozionano e rendono questa cavalcata psycho-pop un inizio col botto: bellissimi i contrappunti di oboe della bravissima Kate St. John, già abbondantemente utile in "World shut your mouth".


BILL DRUMMOND SAID






ive me one good reason why I shouldn't win
(Bill Drummond said, Bill Drummond said)
If a falling leaf can't help my suffering
(Bill Drummond said, Bill Drummond said)

And I sat around my feet,
to teach me how to float
"Get out" she cried,
in the minute she died
He folded up her coat
And the family cried,
go spinning 'cross the sky

(Bill Drummond said, Bill Drummond said)
If I sit and pray, my Christmas tree will die
(Bill Drummond said, Bill Drummond said)

And if his life gets out of hand
And if his face turns blue
These things are sent to try us
And what more can we do?
And then he walked around my garden
And sniffed around my coat
And then I looked around to see him
His hands around her throat

(Bill Drummond said, Bill Drummond said)
If a falling leaf can't help me
(Bill Drummond said, Bill Drummond said)
If a falling leaf can't help me
(Bill Drummond said, Bill Drummond said)
If a falling leaf can't help me
(Bill Drummond said, Bill Drummond said)
If a falling leaf can't help me


Un piacevolissimo pop acido.
Ma non musicalmente parlando, bensì perché dedicato all'ex-produttore Bill Drummond per l'appunto con più di una puntina di astio.
La risposta del produttore non si fece attendere sotto forma di singolo intitolato "Julian Cope is dead". Esagerato.


LAUGHING BOY



(testo non reperibile)

Ballad liquida, psicoattiva e naturalmente avvolgente, dal riconoscibilissimo marchio MADE IN UK, giocata con maestria sulle chitarre morbide e reverberate, uno dei pezzi che più conquista al primo ascolto di questo disco.


ME SINGING



I May be there
Maybe try to comfort me with my vacant stare
Which hangs above your vacant chair
Your eyes are lost in mine
Or are they my eyes lost in yours
I try to entwine, the wonder that we have there

Oh no, no, dear
Have you been coming here again
Listening to me singing
Or is it me singing loud and clear

And I was not without you
Though I tried so hard to be you
No, no, not without you
I'm being very good at being you
But all the times that we shared
I knew that my eyesight was being impared
I knew something was wrong
And I soon found out it was bad

And everything I do
Seems to be reflecting you
I try my hand at work
Work seems to be for an earlier person
I'm not to late
Please don't leave me out there you say
You're not too late
to come and hear me singing

All the time, I feel that all the time
I was there singing
I was there singing
But you never knew
All the times I spent being you
To make up for you not being there
And all those times we shared


"Me singing" è una ballad nello stile più tradizionale di Cope, ma senza meno rimarca in modo netto il talento compositivo dell'artista a prescindere dalla quantità psicoattiva che questi decide di instillare nelle sue canzoni. Breve, emozionante e azzeccata anche nell'arrangiamento mai troppo ridondante.


SUNSPOTS






Sunspots changing glares
Walking ‘round with my very best friend
I’ve got a love song in my head
Strolling ‘round with my very best friend

I look back but I don’t see
Walking round with my very best friend
She looks good--fine to me
I’m in love with my very best friend

And eeeeyoooo, it goes away
And eeeeyoooo, it goes away

Sunspots changing gear
Driving ‘round with my very best friend
I gotta love song in my head
Holding on to my very best friend

We look back but I can’t see
Moving on with my very best friend
She looks good--fine to me
I’m in love with my very best friend

Eeeeyoooo, it goes away
And eeeeyoooo, it goes away
(Flute solo)

And eeeeyoooo, it goes away
And eeeeyoooo, it goes away
Way, way, way!
(guitar solo)

Questo era il singolo tratto dall'album.
In effetti di tutti è il più immediato e fruibile, ma non manca di essere un bellissimo esempio di pop intelligente e affatto scontato. Non scalerà le classifiche, naturalmente, ma contribuirà ad accrescere la schiera dei suoi fedeli.

THE BLOODY ASSIZES






Il pezzo più "veloce" del disco. Ancora una lieve dimostrazione di genio compositivo asservito al pop in chiave psichedelica ed assolutamente, inguaribilmente inglese.
(testo non reperibile)


SEARCH PARTY






Sospesa nel vuoto, mesmericamente protesa verso non si sa dove, eppure ben assisa nella nostra dimensione con il linguaggio del cuore. Bellissima, e bellissimi gli inerventi di oboe nel ritornello.

(testo non reperibile)

O KING OF CHAOS



Ballad nervosa per voce e piano, Cope espressivo e presente, interventi di organo perfetti per una psicoattivizzazione coatta.
"Fried" comincia a guadagnarsi le stimmate del capolavoro.

(testo non reperibile)


HOLY LOVE







Il pezzo più pop, più vicino all'esperienza Teardrop Explodes, nondimeno il pezzo più vicino all'intera tradizione pop inglese, un'esemplificazione dell'enormità del patrimonio che i Beatles hanno lasciato non solo al pop ma all'intero mondo della musica.

(testo non reperibile)


TORPEDO



Altro finale intimista e chiuso a riccio in un duetto fra voce e organo; anche "Torpedo" riesce ad essere suggestiva ed emozionante fino in fondo, anche se non ha riprese o cambi di tempo, una degna chiusura di un piccolo capolavoro di pop acido inglese da parte di un artista che passerà attraverso fasi ancor più estreme di implosione artistica seppure regalando con puntualità opere artistiche di livello impressionante. Julian Cope è un artista che va preso nei suoi 360° di delirio che questo riguardi la perfetta canzone pop o la disposizione dei monoliti di Stonehenge o il contatto con forme aliene di vita. Qui, ancora nella sua accezione acerba ed ancora collegata col mondo delle charts discografiche (dalle quali non avrà nessuna vera soddisfazione), un disco che consiglio di ascoltare più e più volte di fila nonostante l'apparente semplicità.
E' il primo ma non sarà l'ultimo dei suoi dischi ad essere segnalato qui.

5 commenti:

  1. Bel post e quando gli altri sul Druido?

    RispondiElimina
  2. Ho letto il tuo post, sono andata a sentirmi alcune canzoni...Julian Cope mi ha entusiasmato! Non lo conoscevo, ma è esattamente il genere di artista che piace a me. Ti ringrazio&ringrazio per avermelo fatto conoscere.

    RispondiElimina
  3. Invito - italiano
    Io sono brasiliano.
    Dedicato alla lettura di qui, e visitare il suo blog.
    ho anche uno, soltanto molto più semplice.
    'm vi invita a farmi visita, e, se possibile seguire insieme per loro e con loro. Mi è sempre piaciuto scrivere, esporre e condividere le mie idee con le persone, a prescindere dalla classe sociale, credo religioso, l'orientamento sessuale, o, di Razza.
    Per me, ciò che il nostro interesse è lo scambio di idee, e, pensieri.
    'm lì nel mio Grullo spazio, in attesa per voi.
    E sto già seguendo il tuo blog.
    Forza, pace, amicizia e felicità
    Per te, un abbraccio dal Brasile.
    www.josemariacosta.com

    RispondiElimina